La festa di Don Bosco – un’avventura spaziale

Dal 1859, l’organizzazione interplanetaria per l’educazione alla Pace “Sal e Siani”, guidata dagli insegnamenti del Maestro del kung fu pacificante “D. Onbosco”, resiste come baluardo di fronte ai disastri etico-ambientali. Avendo appreso che il Male assoluto avrebbe trovato modo di concretizzarsi il 27 gennaio 2019 anno domini, sono stati convocati alla sede “Centrale Ferro viede Llostato” in via Copernico tutti i gruppi del pianeta in grado di partecipare alla battaglia. Un gruppo di lupetti ESTasiati ha raccolto tutto il suo coraggio per partecipare e sfidare il Male assoluto, ha risposto alla convocazione e nella data della Grande Battaglia si è presentato armato fino ai denti. Migliaia di gruppi di giovani aitanti e bendisposti si sono schierati, ma i numerosi sforzi non hanno avuto il minimo effetto sull’Avversario: il suo scudo di odio e angoscia lo ha protetto dai colpi più letali, dalla schiacciata di pallavolo alla danza guerriera di cat e chismo.

Tutto sembrava perduto, la fiamma della speranza era sul punto di spegnersi, finché gli ESTasiati non si sono presentati sul campo di battaglia. La loro strategia era semplice ma efficace, fare affidamento sull’arma segreta: la mossa dei “Quadri Fissi”, conosciuta ai più anche come “Fermo Immagine”. I Quadri FissiQuesta tecnica si basa su una serie continua, e quindi derivabile su tutto il dominio, di attacchi letali statici intervallati dalla leggendaria arma del “telone-sipario”; nascondendosi con essa allo sguardo del nemico per riprendere fiato e preparare il colpo successivo, l’avversario non ha la possibilità di reagire in tempo. Penserete “che ha di speciale questa tecnica? Tutti sanno fare tanti colpi a caso nascondendosi nel mentre”, ed io vila Cerimonia della Promessa rispondo che la forza di questa mossa non sta nei singoli attacchi. Di per sé questi non dicono molto ma l’unione dei tanti pezzi genera una potentissima Storia di senso compiuto in grado di evocare le più grandi gesta. E così i nostri piccoli eroi sono riusciti: La sanguinosa partita di Roverino

  • raffigurando un cucciolo che prende la Promessa, un gesto con cui si impegna ad vivere con gioia e lealtà nella grande famiglia del branco e dello Scoutismo che lo accoglie amorevolmnte, a distruggere lo scudo di odio e angoscia;
  • raffigurando una partita a “Roverino”, feroce metodo di allenamento per acuire i riflessi e la destrezza, ad infliggere un colpo letale al cuore dell’Avversario con il disco infuocato noto appunto con il nome di “Roverino”.

Nonostante i grandissimi sforzi, il Male, per quanto in fin di vita, non era ancora stato sconfitto. Ma a quel punto, ecco correre in soccorso dei nostri sfiniti eroi, i fratellini OVESTimatissimi che sono riusciti a  scatenare un terremoto spazio-temporaloso con la potentissima danza tribale “Le fettucce” (purtroppo non sono reperibili immagini in quanto l’energia scatenata ha distrutto tutti gli apparecchi elettronici). Il terremoto così creato dai salti energetici altamente sincronizzati è stato tanto spazio e tanto temporaloso da riuscire ad annientare definitivamente il nemico e così a salvare l’universo conosciuto.

Stay tuned per nuove ed entusiasmanti avventure spaziali.

Questa voce è stata pubblicata in Branco, Branco Est. Contrassegna il permalink.